mercoledì 18 ottobre 2017

Terremoti, prevenzione a parole - QdS.it

Terremoti, prevenzione a parole - QdS.it: In Sicilia cantieri fermi: intanto rischiano scuole, ospedali e due milioni di abitazioni dislocate nelle aree più esposte. Ristrutturare conviene: su 96 mila € investiti lo Stato restituisce fino a 81.600.

In Sicilia il rischio naturale è un elemento sempre presente nelle vite degli isolani. Lo certificano numeri ben evidenti: 27 comuni nella fascia più elevata del rischio sismico coinvolgono 355 mila persone per 144 mila abitazioni occupate in edifici residenziali e altri 329 comuni nella seconda fascia di rischio con 4,2 milioni di siciliani coinvolti e 1,6 milioni di abitazioni. Complessivamente in queste due fasce di rischio sismico, dove si possono verificare “fortissimi terremoti” o “forti terremoti”, ci sono 4,5 milioni di siciliani e 1,7 milioni di abitazioni. Nelle aree a forte rischio sismico ci sono oltre 5.000 scuole e 398 ospedali (dati Ance-Cresme). Questi numeri si incrociano pericolosamente con la presenza di quasi il 30% del totale degli edifici regionali costruito tra il 1919 e il 1970, quindi ben prima della normativa antisismica per la costruzioni. Ma non c'è solo il sisma. Tra pericolosità idraulica e da frana, in relazione a tutti i livelli di rischio, ci sono coinvolte altre 200 mila persone, oltre 5 mila imprese e quasi settecento beni culturali (dati Anci, Ispra e Istat). 

Scuola, intesa per le sezioni Primavera - QdS.it

Scuola, intesa per le sezioni Primavera - QdS.it: Protocollo per l’offerta dei servizi educativi ai bambini di 24/36 mesi. Contributi garantiti che vanno dai 5 mila ai 15 mila euro.

In arrivo i fondi per le cosiddette “sezioni Primavera”, le classi scolastiche per i bambini tra i 24 e i 36 mesi. È stata sancita l’intesa tra l’Ufficio Scolastico Regionale e il Dipartimento dell’Istruzione e Formazione Professionale della Regione, per l’anno scolastico 2017/2018, allo scopo di migliorare i raccordi fra nido e scuola dell’infanzia, per sviluppare ulteriormente i servizi socio-educativi offerti dal territorio, come sottoscritto in sede di conferenza unificata Stato-Regioni e Autonomie locali nel 2013.

martedì 17 ottobre 2017

Via libera ai voucher per le raccolte agricole d'autunno - QdS.it

Via libera ai voucher per le raccolte agricole d'autunno - QdS.it: Sono state finalmente superate le difficoltà tecniche che hanno impedito l’uso dei buoni in agricoltura. Un’opportunità lavorativa che potrà essere offerta per uva, olive, castagne, pere e mele.
Sono state superate le difficoltà tecniche che hanno di fatto impedito fino ad ora la possibilità di utilizzare i nuovi voucher in agricoltura, dove sono nati dieci anni fa nel 2008 per la vendemmia”.
Lo rende noto la Coldiretti, nel sottolineare che “dopo mesi di attesa l’aggiornamento della piattaforma Inps consente a pensionati, studenti e disoccupati di poter lavorare in campagna utilizzando la semplificazione prevista dal legislatore per le sole imprese agricole ovvero quella di effettuare un’unica comunicazione per una prestazione non superiore a tre giorni.

Archivio